Seleziona una pagina

Nel 2022 la Fatturazione Elettronica sostituisce l’Esterometro. Quali sono i nuovi termini di trasmissione dei dati relativi alle operazioni transfrontaliere?

La Legge di Bilancio 2021 (L.178/2020) Art.1 comma 1103 prevede a partire dal 1° gennaio 2022 la sostituzione dell’Esterometro con la Fatturazione Elettronica per l’invio dei dati – in formato XML tramite lo SdI – sulle operazioni transfrontaliere.

Nella pratica, la trasmissione telematica delle informazioni avviene con scadenze diverse:
per le operazioni svolte verso soggetti non stabiliti in Italia, entro i termini di emissione delle fatture o dei file attestanti i corrispettivi.
per le fatture ricevute dall’estero, entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento del documento comprovante l’attività o di effettuazione della stessa.

La fatturazione attiva verso soggetti esteri di fatto adotta il tipo documento TD01 (o TD24) al pari delle fatture nazionali. Alcuni accorgimenti vanno presi per la valorizzazione di informazioni, quali identificativo fiscale, codice destinatario (o univoco) e indirizzo (soprattutto il Cap). Una nota particolare, infine, per gli importi delle fatture in valuta estera, che devono sempre essere espressi in Euro.

Per quanto riguarda le fatture passive ricevute da soggetti esteri, l’azienda dovrà emettere un documento elettronico di integrazione dell’Iva, di tipo TD16, TD17, TD18 o TD19, e trasmetterlo al Sistema di Interscambio. Tale documento deve avere cedente/prestatore valorizzato con i dati del soggetto che ha emesso la fattura in reverse charge e riportare l’identificativo SdI del file (se transitato da SdI).

Tali obblighi normativi, se opportunamente implementati, consentiranno di semplificare i processi aziendali e trarre tutti i benefici dalle prossime liquidazioni Iva precompilate.

Dedicated ha condensato competenze tecnologiche, applicative e normative in DMP, una soluzione rivolta a centralizzare e automatizzare la Fatturazione Elettronica.

Questa piattaforma di servizi digitali, integrata a SAP, assicura sicurezza e scalabilità in Full Outsourcing, eliminando l’onere di continui aggiornamenti e manutenzioni all’interno dei sistemi informativi. Grazie a ciò, è possibile recepire le revisioni alle normative fiscali e gestire le attività necessarie all’emissione e alla ricezione delle fatture, inclusa la gestione di esiti e notifiche, e la conservazione sostitutiva.

Leggi il caso VELP Scientifica

Il tema della digitalizzazione dei processi l’abbiamo vissuto e lo stiamo vivendo non tanto come un punto di arrivo, ma come una chiave di (s)volta. Siamo passati così da processi con forte valenza manuale a strumenti digitali per automatizzare i sistemi, renderli più sicuri e controllati, e garantire il time-to-market.

Per maggiori informazioni, contattaci e seguici su LinkedIn.